Tokyo Tribe

Giovedì 7 Maggio 2015 ore 22:30

Tokyo Tribe

di Sion Sono – Giappone, 2014

(121', DCP, V. Originale con sottotitoli in italiano )

Dal manga di culto Tokyo Tribe II, il nuovo film del talentuoso Sion Sono (Love Exposure, Cold Fish, Suicide Club) è un violento viaggio nella Tokyo del futuro al ritmo trascinante dell’hip hop. In una metropoli governata da gang criminali lo scontro è sempre dietro l’angolo e l’irreparabile accade quando Merra, il boss del quartiere a luci rosse di Burkuro, tende una trappola a Kai, componente della banda dei Musashino Saru, verso cui prova un odio implacabile. Il suo scopo non è solo quello di annientare i rivali ma anche di attirare a sé Kai, che vede come la sua nemesi. Il regolamento dei conti non si farà aspettare, in un catartico caleidoscopio di violenza coreografata e musica a manetta.

Modalità d'ingresso: 
Regista: 

Sion Sono

Shion Sono (園 子温 Sono Shion)  è un regista, sceneggiatore, scrittore, compositore e attore cinematografico giapponese.

Nato a Toyokawa, nella prefettura di aichi, Sion Sono iniziò a scrivere poesie sin dall'adolescenza, e ottenne i suoi primi riconoscimenti all'età di 17 anni. Frequentò quindi l'università di Housei, e nel 1985 debuttò nel cinema, girando il suo primo cortometraggio intitolato I'am Sion Sono!!, ovvero una lettura delle sue poesie, mentre nel 1990scrisse e diresse il suo primo lungometraggio, Bicycle Sighs.

Nel 1992 vinse il premio della giuria al Tokyo Sundance Film Festival con il thriller The Room. Parallelamente alla carriera di regista, Sion Sono iniziò una carriera di attore, mentre i registi francesi Jean-Jacques Beineix e Jackie Bastide utilizzarono alcune sue poesie per il documentario Otaku.

Nel 2002, Sion Sono si fece definitivamente conoscere al di fuori del Giappone con il controverso film Suicide Club, che racconta di una serie di suicidi di gruppo aventi per vittime giovani ragazzi e ragazze. Prima parte di una trilogia, il film vinse il premio della giuria al Fant-Asia Film Festival e generò un manga composto da un volume unico, intitolatoJisatsu Circle, e un romanzo scritto dallo stesso Sono, intitolato Suicide Circle: The Complete Edition. Nel 2005, il regista diresse Noriko's Dinner Table, seconda parte della trilogia iniziata con Suicide Club. In realtà non si tratta di un sequel del film precedente, bensì di una riflessione sulla solitudine e sull'alienazione della società giapponese.

Nel 2005, Sono diresse altri due film: l'onirico Strange Circus e l'action Hazard, girato interamente in digitale. Seguirono altri quattro film e un episodio della miniserie televisiva Jikô keisatsu.

.Torna all'archivio 2015